Territorio

Il Rione Porta Senese occupa la parte nord del paese in direzione di Siena. Dalla Porta omonima si estende fino alla stazione di Paganico, continuando verso il Centro Commerciale il Gretano e arrivando al polo scolastico, per finire in via degli Orti dove confina con il Rione Porta Gorella. La Porta Senese è la parte delle mura medievali che meglio si è conservata, essendo praticamente completamente intatta e in buone condizioni, risulta essere un importante esempio di costruzione medievale tipica dei borghi franchi.

Colori

I colori del Rione Porta Senese sono il celeste, che è il principale, il nero e il bianco.

Vittorie

  1. 1977 Orlandi Pietro detto "Awanagana"
  2. 1979 Orlandi Pietro detto "Awanagana"
  3. 1980 Orlandi Pietro detto "Awanagana"
  4. 1986 Vegni Fabio
  5. 1990 Vegni Fabio
  6. 1991 Vegni Fabio
  7. 1994 Vegni Fabio
  8. 1995 Moscatelli Stefano detto "Mosca"
  9. 1996 Perugini Massimiliano detto "Peru"
  10. 1999 Orlandi Fabio detto "Tardelli"
  11. 2003 Benvenuti Sandro detto "Carretta"
  12. 2004 Benvenuti Sandro detto "Carretta"
  13. 2008 Minacci Matteo
  14. 2014 Draghi Davide

Consiglio

Presidente : Ilaria Machetti

Vice Presidente : Francesca Baldi

Cassiere : Pamela Fantoni

Consiglieri : Clarissa Sansoni, Valentina Steri, Maria Josè Chechi, Alberto Ghini, Giorgio Machetti, Silvia Bindocci, Alessia Rocchi, Alice Machetti, Carlotta Galluzzi, Luca Rubegni, Tommaso Riccioni, Noemi Sansoni, Francesca Pesciaroli, Marco Pesciaroli, Davide Draghi, Carlo Montemaggi.

Inno

Porta Senese porta, porta Senese,

sei sempre la più bella senza pretese,

vestita di celeste sei come il cielo,

con una nuvoletta di bianco e nero.

Oh passante vien qui

Che ti fermi a guardare

Se una storia ci fu

Questa è l’eredità

Se una storia ci fu

M’è rimasta nel cuore

Forestiero che sei

Vuol conoscerla Lei?

Poiché non fai partito 

Ma fai rione,

vestita di celeste 

sei già campione

poiché non fai partito 

ma fai rione

vestita di celeste 

sei già campione !!

 

scritta da Stella Sola e musicata da Arisio Machetti